KNITTING THERAPY: IL LAVORO A MAGLIA COME RIABILITAZIONE ONCOLOGICA PER LA PRIMA VOLTA ENTRA NELL’OSPEDALE MAZZONI

IL FILO DI ARIANNA E LA TELA DI PENELOPE

QUANDO IL LAVORO A MAGLIA RIABILITA

MARTEDI’ 28 GENNAIO DALLE ORE 10.00

SALA RIUNIONI REPARTO DI ONCOLOGIA OSPEDALE MAZZONI

Iniziativa rivolta a tutti i pazienti di oncologia e i loro familiari

Lo IOM Ascoli Piceno OdV da oltre vent’anni si occupa di assistenza domiciliare gratuita ai malati oncologici e sostegno alle famiglie. Parallelamente ha sempre promosso progetti ed iniziative di riabilitazione convinta che la cura è importante così come lo è riappropriarsi della propria vita sociale e familiare durante e dopo la malattia.
Tra le iniziative portate avanti in quest’ottica c’è la lana terapia ( knitting therapy) che per la prima volta entra nell’Ospedale Mazzoni.
Si inizia nel reparto di oncologia martedì 28 gennaio per un incontro conoscitivo dove alcune volontarie dell’associazione accoglieranno le persone spiegando il senso dell’iniziativa e faranno da tutor per insegnare i rudimenti del lavoro a maglia e uncinetto. Tutto il materiale è messo gratuitamente a disposizione grazie alla generosità di WUDAWU, azienda artigiana locale, che da sempre promuove la manualità per lo sviluppo della socialità, della creatività e del benessere della persona.
E’ ormai sperimentato che tale pratica può portare benefici alle pazienti sia in termini di salute fisica che psichica. Lavorare a maglia combatte la depressione, riduce la percezione del dolore e dello stress, rafforza le difese immunitarie, aiuta a socializzare, allontana i pensieri negativi.
Con il lavoro fatto usando lana, ferri e uncinetto, corpo e mente si rilassano, si concentrano su qualcosa di diverso, favorendo il benessere, rasserenando le donne ma compiendo movimenti utilissimi per la riabilitazione della zona corporea interessata dall’intervento chirurgico e dalle cure per le lesioni mammarie
La lana terapia rappresenta un ulteriore tassello nell’ottica delle Terapie Integrate in oncologia che puntano a migliorare la Qualità della Vita.
La finalità è anche quella di creare qualcosa di utile e duraturo che poi verrà donato alle case di riposo per gli anziani sul territorio.
Si inizia quindi con qualcosa di facile come dei quadrati che poi assemblati insieme creeranno una coperta patchwork, calda e colorata. E’ possibile portarsi il lavoro a casa per testare i benefici anche nel proprio ambiente domestico.

Vi aspettiamo martedì 28 gennaio 2020 dalle ore 10 per presentare il progetto e conoscersi ed intraprendere insieme questo nuovo percorso (riabilitativo)

 

Scrivi un commento