chiusura PINK PROJECT – 17 e 18 aprile

Si conclude Pink Project, la mostra fotografica dell’artista marchigiana Francesca Tilio inaugurata il 21 marzo. Oltre 400 i visitatori dell’esposizione e dei vari eventi correlati come la cena ” cereali, legumi e dintorni” e la giornata del “gomitolo rosa”.

La mostra terminerà con due eventi:

Venerdì 17 marzo dalle ore 17.30 Galleria Insieme. Le Piume del Colibrì e Wudawu, due affermate stiliste ascolane, presenteranno una loro creazione “in rosa” appositamente realizzata per lo IOM e illustreranno alle persone presenti, attraverso un tutorial, i diversi modi di indossarla. Inoltre con gli scampoli creeranno un vestito che verrà messo in mostra presso la Galleria secondo la filosofia di Eleonora Cruciani de Le Piume del colibrì che così spiega “anche dalle piccole cose, apparentemente senza valore, può nascere qualcosa di bello così come una piccola donazione può rappresentare un grande aiuto”. Inoltre saranno presenti anche “Case da sole” e “La casetta di marzapane“, due realtà imprenditoriali ascolane che presenteranno i loro prodotti. A seguire Chez Toi organizza sulla terrazza della galleria, un aperitivo in rosa: delizie e curiosità gastronomiche sulle tonalità del rosa. (scarica l’invito)

Sabato 18 aprile dalle ore 17.00 Grande chiusura del Pink Project con “la vie en rose” una festa di strada che si snoderà lungo Corso Mazzini, dall’accesso di Corso Trieste fino a Largo Crivelli. Oltre venti versioni dell’indimenticabile canzone “La vie en rose” di Edith Piaf tra cui Louis Armostrong, Grace Jones, Nilla Pizzi, Donna Summer fino alla versione contemporanea di Zaz, accoglierà e accompagnerà il passeggio creando un’atmosfera ludica e coinvolgente.

Alle ore 18.00 presso lo spazio NovaDea interno a èquilibri, verrà inaugurata la mostra personale “Il mattino dove non saremo più” dell’artista abruzzese Serena Vallese a cura di Daniele De Angelis.

Carta, gesso, polvere e cellulosa sono i materiali fragili ed effimeri che Serena Vallese usa per affrontare con poetica delicatezza il tema del trascorrere del tempo e la sua ciclicità, proponendo un’installazione composita in cui tecniche differenti si accordano sul senso del passaggio che lascia dietro sé labili tracce ma anche possibilità di rinnovamento.

Alle ore 18.30 i “tangheri” del Centro Tango Argentino Teratango insieme al maestro Lorenzo Serrani, si esibiranno lungo la strada; una performance trascinante e sensuale che coinvolgerà tutti i passanti.

Alle ore 19.30 presso la Galleria Insieme l’associazione Aradia si esibirà in “Layla vuole uscire dalla scatola” di e con Ilaria Olimpico, Diana Capriotti e Laura Capriotti. Una performance teatrale che indaga le aspettative sociali delle donne. Layla è una cento mille donne, ma è sempre una donna messa in una scatola, simbolo di una struttura limitante, un ruolo sociale culturalmente prodotto, un modello estetico imposto.

Il pubblico verrà coinvolto nella performance non solo nella dimensione cognitiva razionale ma anche in quella emotiva e corporea. (scarica l’invito)

La “Vie en rose” rappresenta un modo divertente e originale di sensibilizzare e fare prevenzione sulle malattie oncologiche, ma è anche un occasione di incontro e di socializzazione, riappropriandosi della strada, luogo oggi solo di passAggio ma che ci piacerebbe tornasse ad essere di passEggio.

Scrivi un commento