BILANCIO CONSUNTIVO 2019

Pubblichiamo il bilancio consuntivo anno 2019 approvato nel corso dell’assemblea tenutasi il 28 Ottobre 2020 (articolo modificato e aggiornato il 30 Ottobre 2020)

Bilancio sociale 2019: cliccare sull’immagine per ingrandirla. 

Il bilancio è accompagnato dalla relazione del Presidente e dalla relazione del Collegio dei Revisori dei Conti di seguito pubblicate:

 BILANCIO CONSUNTIVO 2019:  RELAZIONE DEL PRESIDENTE

Dall’esame dell’esercizio 2019 si rileva un disavanzo economico di Euro 15.597,18 che sarà sottoposto all’esame dell’Assemblea dei soci per la sua approvazione, con l’eventuale ripiano mediante utilizzo degli avanzi di gestione degli anni precedenti. Questo disavanzo era stato previsto nel bilancio preventivo in 2.030. euro

La differenza di Euro  13.000 circa , rispetto al preventivo è da ricercarsi nella contrazione di alcune entrate(minori erogazioni liberali e contributi da Istituzioni) che sono state in parte compensate da un rigoroso contenimento dei costi. Al contenimento del disavanzo ha contribuito anche il sostegno assicurato dalla Fondazione Carisap  con il progetto” Il malato oncologico e la sua famiglia al tempo del terremoto”finanziato  per un importo di 40.000 euro, di cui 30.000 euro erogate nel 2019 e conclusosi  con un saldo di 10.000 nel gennaio 2020.

Malgrado queste difficoltà abbiamo portato avanti la nostra attività con rinnovato impegno e con risultati più che soddisfacenti.

Nel conto economico 2019 si rileva che  complessivamente i proventi sono stati leggermente superiori a quelli dell’anno precedente di circa 6.000 euro.

Un esame analitico delle “voci” dei proventi segnala che, rispetto al 2018 gli importi delle quote associative di 6.615 euro sono aumentate leggermente mentre le liberalità  pur rappresentando una delle voci più importanti delle entrate (il 15%) pari a 18.251,50 sono diminuite di circa 8.000 euro.

Le entrate per progetti-eventi organizzati nell’anno sono stati di 15.500 euro( quasi il doppio rispetto al 2018).Si ricordano la cena di fine estate e la maratone di Matera.

Un davvero apprezzabile  aumento di circa il 23% si è registrato per il 5 per mille, il cui importo 15.680 euro viene, come per il passato, integralmente destinato all’assistenza domiciliare: L’importo aumentato di circa 3.000 euro conferma l’impegno della Associazione nella sensibilizzazione dei soci in occasione delle denunce dei redditi.

In linea con il 2018 le entrate per la sponsorizzazione dell’iniziativa “Traguardo prevenzione 2019” sono state di circa 5.500 euro al netto della quota IVA versata all’Agenzia delle Entrate.  Il sostegno è stato assicurato sempre dal Gruppo Gabrielli al quale va la nostra gratitudine.

Le entrate derivanti dalla convenzione con l’Area vasta 5  sono state di  8.800 per l’anno 2019. In proposito  va tenuto presente che il contributo in argomento si riferisce in parte all’assistenza erogata nel 2019 e conclusasi nel 2020 . Pertanto il relativo conguaglio per un importo di 2.750 euro è stato addebitato all’Asur nell’anno 2020.

I proventi” speciali” per complessivi 20.420 euro riguardano la lotteria terminata nel gennaio 2019 per un importo 10.325 euro e le altre manifestazioni per raccolta fondi, pari a 7.095 euro.: Cena di Carnevale, spettacolo teatrale a cura dell’Agenzia Solidea e pesca di beneficenza per le restanti. Tra i privati ringraziamo la Soc.Rete Gas che ha contribuito alle entrate con 3.000 euro.

Gli oneri del conto economico 2019 sono stati complessivamente di 136.195,51 leggermente inferiori a quelli del 2018 pari a 137.804 euro. Per quanto riguarda gli oneri si rinvia alle osservazioni espresse nel “Bilancio Sociale” nella descrizione delle singole attività e iniziative. In termini generali può dirsi che, come per il passato, gli oneri sono sostanzialmente divisibili in tre gruppi, relativi cioè all’attività istituzionale, alle spese di carattere generale e a quelle che possiamo chiamare “produttive” perché finalizzate alla realizzazione di progetti dai quali derivano proventi.

Come sempre una quota molto elevata delle spese pari al 56% è relativa ai costi per il personale medico e paramedico e per la psico-oncologa impegnati nell’assistenza, cioè nella attività per la quale si è costituita l’Associazione. Questo importo risulta superiore di oltre 7.000 euro rispetto all’anno passato a testimonianza dello  sforzo di contenere le spese pur mantenendo gli elevati standard qualitativi del passato. L’indicata quota delle spese per assistenza supera il 66% del totale se si considera anche il costo a carico della Associazione ( 15.122 euro) per il funzionamento dell’Ambulatorio Senologico Multidisciplinare, che svolge un’attività, in termini di prevenzione e di diagnosi precoce, sicuramente riconducibili ai compiti istituzionali dell’Associazione.

I costi di carattere generale e amministrativo( riferiti all’assicurazione dei volontari, obbligatoria per legge, e soprattutto alla retribuzione di una addetta part-time di segreteria) per 20.933 euro sono stati sostanzialmente dello stesso importo di quello dell’anno precedente, con una incidenza del 15% sul totale degli oneri.

Essendo la nostra associazione di volontariato che non svolge attività produttiva( ossia attività di produzione e scambio di beni e servizi remunerati), non riportiamo nel bilancio sociale le tavole relative alla formazione e distribuzione del valore aggiunto previste dalla Linee guida emanate del GBS( Gruppo Bilancio Sociale).

Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti al bilancio consuntivo per l’anno 2019

 Il Collegio dei Revisori dei Conti ha preso in esame la proposta di Bilancio consuntivo 2019 ed ha effettuato il controllo sostanziale e contabile del Conto delle Spese e dei Proventi e della Situazione Patrimoniale dell’esercizio 2019.

   Sono stati particolarmente esaminati:

 

  • Il Libro Giornale di Contabilità con i connessi partitari dei conti,
  • Gli Estratti dei conti Banca Intesa S. Paolo, BCC Picena e c/c Postale,
  • La Situazione Patrimoniale ed il Conto degli Oneri e dei Proventi.

E’ stata constatata la regolare e cronologica tenuta delle scritture contabili, la regolare tenuta del Libro Giornale ai sensi di legge, compilato e redatto secondo criteri di corretta Ragioneria, in osservanza dei principi di cassa e di competenza.

 Il risultato dell’esercizio 2019 rileva un disavanzo di gestione di € 15.597,18 di seguito riassunto:

Sull’analisi dei proventi e oneri, Il Collegio, vista la relazione della Presidente, svolta e riportata nel Bilancio Sociale come “Relazione sulla gestione economica dell’esercizio 2019”, fa proprie le considerazioni in essa riportate.

La Situazione Patrimoniale è cosi rappresentata:

  parziali TOTALI TOTALI
       
Attivo   38.396,21         
Passivo         33.767,09
Patrimonio netto:

Avanzo di gestione anni precedenti

  20.226,30    
Disavanzo di gestione anno corrente     – 15597,18    
 Patrimonio netto 2019                      4.629,12      4.629,12

 

Totale a pareggio                                                38.396,21     38.396,21

                                                                                       

I valori dell’Attivo vengono di seguito illustrati.

Al 31/12/2019 risultano disponibilità di cassa per € 423,99

Il saldo del c/c bancario presso la BANCA INTESA SANPAOLO concorda con le scritture contabili e presenta al 31/12/19 una disponibilità di € 14.385,01

Presso la BCC PICENO risultano disponibili al 31/12/19  € 7.506,13

Il saldo del c/c postale al 31/12/19 risulta di € 12.287,72 che concorda con le scritture contabili.

Complessivamente il totale delle disponibilità al 31/12/19 è di € 34.602,85

Sulle fatture emesse per prestazioni sanitarie l’IVA è stata considerata esente art.10.           

Dall’esame dei crediti si rileva:

  • il “credito verso clienti” di € 366,00 è, nei confronti della Ditta SALPI 1 S.r.l per sponsorizzazione cena di “Inizio estate”.
  • il credito V/Erario riguarda:

-IRPEF per lavoro autonomo di € 229,40 relativo all’anno 2017 non compensato nel 2018 e 2019 riportato nel 2020;

    –    Il credito di € 20,94 riguarda l’imposta sostitutiva TFR.

 Il valore dei “mobili ed arredamenti” e delle “attrezzature” di € 3.177,02 viene indicato nell’attivo al netto delle quote dei Fondi di ammortamento, come di seguito:

Mobili e arredamenti

Valore storico al 01.01.2019             €       6.840,69

Acquisti dell’esercizio                        €       1.299,98

Cessioni dell’esercizio                        €          ——–

     Totale valore al 31.12.2019                   €        8.140,67              8.140,67+

Fondo ammortamento al 01.01.2019 €        4.706,69

Ammortamento dell’esercizio             €          926,80

Totale fondo ammor.31.12.2018        €        5.633,49              5.633,49-

     VALORE NETTO al 31.12.2019 €                                   2.507,18

Attrezzature

Valore storico al 01.01.2019             €      10.353,79

Acquisti dell’esercizio                        €           ——–  

Cessioni dell’esercizio                        €           ——–

      Totale valore al 31.12.2019        €      10.353,79              10.353,79

Fondo ammortamento al 01.01.2019 €         9.460,67

Ammortamento dell’esercizio             €            223,28

      Totale fondo ammor.31.12.2019            9.683,95            9.683,95

     VALORE NETTO al 31.12.2019          €                                       669,84

Il valore dei beni strumentali inferiori al milione acquistati nel 2019 per la somma di € 70,14 è stato completamente ammortizzato nell’anno corrente.

I valori del Passivo vengono di seguito illustrati.

Dall’esame dei debiti si rileva:

  • Il debito verso erario per IRAP 2019 di € 251,00 è dato dalla differenza tra l’acconto versato di € 2.320,00 e il dovuto di € 2.571,00;
  • il debito verso l’Erario e gli Enti previdenziali per complessivi € 3.890,37 deriva dalle retribuzioni e operazioni di competenza 2019 ed è così suddiviso:

IRPEF  per €   427,40 (di cui 222,02 dipendenti e 205,38 autonomi)

INPS per  €  2.884,00

INAIL per €       28,97

IVA  per    €    550,00

  • il debito di € 1.039,54 riguarda la regolarizzazione INAIL e INPS del 2019 su retribuzioni differite al personale dipendente;
  • il debito verso dipendenti di € 7.738,32 riguarda le retribuzioni di dicembre 2019 per € 4.179,19 e retribuzioni differite per € 3.559,13 (ferie , festività soppresse)
  • il debito di € 4.034,48 riguarda i collaboratori autonomi per fatture da ricevere (dott.ssa Marini 1.860,48 – dott.Di Pietro 974,00 – dott.ssa Gasparrini 1.200,00)
  • Il debito verso fornitori per fatture da ricevere € 770,40 si riferisce : Consulpaghe di Luciani Rosella snc per € 414,80 e Mancini Lorenzo per € 355,60);
  • il debito verso il Fondo Previdenza di € 437,36 riguarda la residua quota per l’anno 2019 per previdenza complementare di Cugnigni Roberta da versare all’Alleanza Assicurazione;
  • il risconto passivo di € 120,00 riguarda le quote associative riscosse nel 2019 ma di competenza 2020;
  • il Fondo trattamento fine rapporto del personale dipendente (TFR) di

€ 15.485,62 al 31/12/19  risulta così determinato:

Fondo TFR all’1/1/19                                   €   12.776,31 +

Quota TFR 2019           €  3.551,63

+ rival. monetaria          €    229,19               €    3.780,82 +

 A detrarre   recup. Contr. INPS su TFR       €    225,21

                   Imposta sostitutiva    “            €      38,96              €       264,17 –

 A detrarre   quota TFR erogata nel 2019                                          ———-                                          

                  Quota previd. Complementare

                   di Cugnigni c/o Alleata P.        €   807,34               €      807,34         

Fondo TFR 31/12/2019                                €   15.485,62

Conclusioni:

         Le risultanze di bilancio di cui al Rendiconto sono conformi e corrispondenti alle annotazioni contabili ed ai documenti giustificativi utilizzati. Il risultato di gestione 2019 presenta un disavanzo economico di € 15.597,18 il cui ripiano viene sottoposto all’attenzione dell’Assemblea dei soci in sede di approvazione del bilancio 2019.

         In considerazione di quanto sopra riportato questo Collegio dei Revisori ringrazia tutti i volontari per l’opera svolta ed esprime parere favorevole all’approvazione del Bilancio 2019.

Ascoli Piceno, 23.07.2020

F.to                Presidente   Domenico Capriotti

F.to                Membro       Maria Paola Chiodi

F.to                Membro       Massimina Massimi

 

Scrivi un commento