SPETTACOLO TEATRALE Se.No E APPELLO SULLO SCREENING MAMMOGRAFICO PROMOSSO DALLO IOM

Domenica 12 giugno alle ore 17.00 presso il Teatro Filarmonici di Ascoli Piceno, andrà in scena lo spettacolo Se.No scritto e diretto da Andrea Brunello con la supervisione medica e scientifica della Dottoressa Antonella Ferro, direttrice della Breast Unit dell’Ospedale Santa Chiara di Trento. Protagonista del monologo Giulia Toniutti, attrice e comunicatrice della scienza.

“Se.No” fa luce su un tema tabù, quello della malattia e lo fa togliendo filtri e retorica, gravitando tra due poli: narrazione scientifica e momenti di vita vera. Scienza ed emozioni si intrecciano per raccontare il percorso di cura e di vita delle donne che si trovano ad affrontare la malattia. la narrazione di fenomeni sociali si intreccia in modo indissolubile alla narrazione scientifica: lo spettacolo affronta infatti una malattia che colpisce e stravolge interi sistemi di relazione. Nella fase di indagine drammaturgica Brunello, autore del testo, ha incontrato molte donne che, con generosità, hanno donato racconti intimi e privati. La sintesi di questi spaccati di vita è condensata nella storia della protagonista, Roberta: una giovane donna che si trova ad attraversare la malattia dovendo accogliere, rielaborare e mettere in campo cambiamenti improvvisi in ogni sfera della propria quotidianità, professionale e personale.
L’attrice  Giulia Toniutti, protagonista in scena, scandaglia sia l’aspetto umano che quello medico scientifico, con attenzione anche alla descrizione delle procedure diagnostiche e di cura. La solidità scientifica di quanto raccontato durante lo spettacolo è garantita dalla costante supervisione che la dottoressa Antonella Ferro ha attuato durante tutta la fase di scrittura drammaturgica.

Lo spettacolo rappresenta l’evento fortemente voluto dall’Associazione, come  trampolino di lancio per l‘appello sullo screening mammografico promosso dallo IOM, che verrà lanciato a conclusione del monologo. La presidente Ludovica Teodori infatti chiederà a tutta la cittadinanza ed istituzioni di sottoscrivere tale appello essendo una questione di salute, sociale ed umana.

L’ingresso è ad erogazione liberale in favore dello IOM per attività di assistenza domiciliare oncologica gratuita ed attività di prevenzione.